giovedì 13 marzo 2014

Ricette golose: Asparagi in spuma tonnata e uovo mimosa

Metti una frenetica giornata d'ufficio...e un'inaspettata mail verso ora di pranzo...
Per il post di oggi ringrazio lo staff dell'Osteria del Vicolo Nuovo di Ambra e Rosa.

Asparagi in spuma tonnata e uovo mimosa
Ingredienti per 8/10 persone: 
4 mazzi di Asparagi verdi di Altedo, 3 uova, 2 uova sode, gr.100 di tonno sgocciolato, 1 cucchiaio di capperi, mezzo  limone, olio di semi, sale e pepe.
Preparate gli asparagi per la cottura raschiando leggermente i turioni nella parte inferiore per  togliere eventuali legnosità.
Lavateli accuratamente e riuniteli per dimensioni, in mazzi non troppo grossi. Immergeteli in acqua bollente e salata e fateli cuocere per circa 10 minuti, facendo attenzione alle punte.
Con una frusta montate i tuorli e unite l’olio a filo.
Unite il succo del limone e aggiustate di sale e pepe. 
Quando la maionese avrà la consistenza desiderata, unite il tonno e i capperi tritati. 
A parte montati gli albumi a neve e amalgamateli lentamente alla maionese preparata  unicamente con movimento dal basso verso l’alto. 
Estraete gli asparagi dall’acqua, sgocciolateli, sciogliete i mazzi e disponeteli in un piatto. Condite con un po’ di olio extravergine, spalmate nella parte centrale la salsa e cospargete con uovo sodo tritato.  Serviteli tiepidi.

A proposito dell’asparago
Appartenente alla famiglia delle Liliacee è pianta poliennale in quanto vive e produce per molti anni. Le varietà sono determinate dal colore dei turioni che possono essere verdi, violetti o rosati e bianchi, mentre le classificazioni qualitative dipendono dalla loro forma e compattezza. Contengono vitamina B, C, calcio, fosforo e hanno proprietà depurative e diuretiche. La raccolta avviene da aprile sino ai primi di giugno, e questo breve periodo fa si che
gli appuntamenti gastronomici con questo ortaggio siano piuttosto rari. Vanno consumati nel giro di pochi giorni, per non disperderne la fragranza, e vanno cotti al dente per evitare che, diventando acquosi, perdano parte del loro tipico sapore. L’ideale sarebbe disporli in una pentola in piedi, con le punte fuori dall’acqua in modo che la loro cottura avvenga a vapore. In Italia sono coltivati soprattutto nel Veneto e nell’Emilia Romagna e costituiscono uno degli  ortaggi più pregiati della primavera. Per un maggior piacere del palato vanno ricordati anche gli asparagi selvatici. Di sapore più accentuato hanno un alto valore officinale e crescono spontanei nelle zone boschive e lungo i litoranei mediterranei. Nelle vostre gite al mare spingetevi fino in pineta e,  con occhio un po’ allenato, non vi sarà difficile imbattervi in queste prelibatezze.

Stefania, Miriam, Simona, Rosa, Ambra e Maria: sono queste le colonne dell’Osteria del Vicolo Nuovo. 
Una équipe fortemente voluta tutta al femminile, una scommessa vinta. 
“E pensare che una volta, nelle osterie, le donne non le volevano”, come ha scritto di noi Gianni Mura. 
Tutte abbiamo imparato a cucinare fra i muri di casa e queste nostre radici si possono ritrovare in tutti i nostri piatti che risultano percio’ semplici e immediati. 
Questo però non significa appiattirci dentro i confini della cucina di una volta: ci  piacciono le buone intuizioni, i nuovi accostamenti, e l’uso di nuovi ingredienti. 
Siamo fortemente convinte che occorra allargare la gamma delle nostre conoscenze e il concetto di territorio, ma non ci appartengono le preparazioni ridondanti ad ogni costo. Ecco quindi la ricetta che vi proponiamo oggi. 
Scoprirete quanto possa essere squisita una salsa tonnata resa spumosa dalle chiare montate a neve e quanto sia leggero il suo sapore che non soffocherà il delicato gusto degli asparagi, troppo spesso ridotti a puro ornamento. 
Assaggiandola, rivaluterete giustamente una salsa da sempre denigrata e ridotta a orribile strato grigiastro sotto cui si nascondevano, per pudore, fettine di carne non ben identificate.


domenica 5 gennaio 2014

Delizie leggere dopo Natale

Dopo una sostanziosa pausa natalizia dedicata all'assaggio delle bontà prodotte da mamme, nonne, zie, fornai e pasticceri...
Ecco una ricetta facile e leggera per concedersi il dessert senza sensi di colpa dopo le abbondanti festività.

Ingredienti per 2 persone

ricotta vaccina 200 gr
yogurt bianco dolce 125 gr
zucchero a velo vanigliato 1 cucchiaino
marmellata di fragole o frutti di bosco 2 cucchiai
cioccolato fondente grattugiato 40 gr
granella di nocciole 1 cucchiaio
latte 1 cucchiaino

Montare la ricotta con yogurt e zucchero e lasciar riposare in frigo per 10-15 minuti.
Nel frattempo sciogliere un po del cioccolato con il latte e decorare il fondo delle coppette.
Versare il primo strato di ricotta fino a circa metà della coppetta, quindi un sottile strato di marmellata di fragole e di nuovo uno strato di ricotta.
Decorare con un ultimo strato di marmellata, granella di nocciole e cioccolato grattugiato.

Lasciar riposare in frigo per almeno 2-3 ore.