lunedì 28 ottobre 2013

Where to eat in Imola

Last Saturday I finally ventured to explore the tasty locations of Imola, starting the project " tourist reporter in my places ."
We all aspire to exotic destinations and often see the our area just as a working place .
My mission is to bring tourists and locals to discover the flavors, the places and the events in the area where I live and work.

And so, in a grey and humid day in late October, I caught my best travel companion ( Rosa , my mom )  to have lunch at Osteria del Vicolo Nuovo, also trying to distract her from the unhappy events of last months.
The restaurant, run by Ambra and Rosa (like me and mom - when you say it's a coincidence!), is located in a quiet alley in the center of Imola, easy to reach if you come from the Via Appia .

You can recognize it by the imposing ivy mantle that covered the wall of the alley , recalling a magical door of fairy tales.

When you get in the atmosphere is friendly and there are eyecatching decorations on the walls.
We take seats in the basement,  a typical old cellar with brick vaults, once used to store wine and food .

The restaurant has the Chiocciola Slow Food Osterie 2014 recognition .
On the menu we find a list of the local producers that supply the Vicolo Nuovo with wine, baking products, cheese.
The à la carte menu and the menu of the day are daily written according to the morning purchase.

The choice goes for Gnocchetti di zucca (pumpkin dumplings) with Romagna shallot and Provola, and gratin rolls with spinach and Burrata (buffalo cheese) , then Guancialino di vitello (veal cheek lard) with potato pie .
We choose a local Chardonnay from the producer Tremonti.

Of course we leave some space for desserts : strawberry mousse with berries and, Torta sabbiosa (a cake made with cornmeal) with mascarpone .
Every sense is satisfied by the dishes. The flavors and quantities are expertly balanced , allowing you to get to the end of the meal satiated and satisfied , without the heaviness that often characterises the leaving from a restaurant.

Meanwhile, in the tables next to us, the Tremonti owner, David, is introducing his wines to a group of German tourists.

The bill is average 25-30 € per person, and it is very good price if you think at the quality of products.

I recommend it to couples, families, but also groups (better reserve the table, in this case) and surely I'll go there again.
www.vicolonuovo.it


Then, we have a walk in the center, towards Porta Montanara and its  market of typical products from all over Italy .
Despite a full stomach we cannot resist the good things, so we decide to bring home the flavors from some part of the "Stivale": Altamura bread, orecchiette pasta , olives, orange marmalade , Sardinian cheese , bread and apfelstrudel from Trentino Alto Adige .
A peaceful alternative to hectic working days .

domenica 27 ottobre 2013

Dove mangiare a Imola.


Sabato 26 ottobre mi sono finalmente avventurata alla scoperta dei luoghi del gusto a Imola, inaugurando il mio progetto di "reportage turistico a casa mia".
Tutti aspiriamo a mete esotiche senza però dedicarci ai luoghi in cui viviamo.
La mia missione è portare turisti e autoctoni alla scoperta dei sapori, dei luoghi e degli eventi del territorio in cui vivo e lavoro.

In una grigia e umida giornata di fine ottobre ho rapito la mia compagna di viaggi ( Rosa, la mia mamma), per distrarla un po' dagli eventi infelici degli ultimi mesi e siamo andate a pranzo all'Osteria del Vicolo Nuovo.
Il ristorante, gestito da Ambra e Rosa ( quando si dice le coincidenze!!!), si trova in tranquillo vicoletto del centro di Imola, facile da raggiungere arrivando dalla Via Appia.


Lo si riconosce per l'imponente manto edera che ha ricoperto la parete del vicolo, ricordando un magico portone delle fiabe. 



All'interno l'atmosfera è cordiale e catturano l'occhio le decorazioni alle pareti.
Ci accomodiamo nel seminterrato con le volte in mattone, tipiche delle vecchie cantine utilizzate in passato per conservare vini e cibi.

Il ristorante ha il riconoscimento Chiocciola Slow Food.


Sul menu troviamo infatti elencati i produttori locali che riforniscono il Vicolo Nuovo.
Il menu alla carta e il menu del giorno sono scritti quotidianamente in base alla spesa del mattino.


La scelta ricade sui gnocchetti di zucca con scalogno e provola e i fagottini con spinaci e bufala, e a seguire il guancialino di vitello con tortino di patate.

Accompagniamo il tutto con un calice di Chardonnay del produttore locale Tremonti.

Lasciando ovviamente un posticino per il dolce: mousse di fragole con frutti di bosco e torta sabbiosa con mascarpone.
La vista, l'olfatto, il gusto e l'umore sono appagati dall'armonia sprigionata dalle portate. I sapori e le quantità sono sapientemente equilibrate, permettendo di arrivare alla fine del pasto sazi e soddisfatti, senza la pesantezza che spesso ci coglie uscendo da un ristorante.

Nel mentre arriva un gruppo organizzato di turisti tedeschi che, prima del pranzo, degustano alcuni vini presentati direttamente dal produttore David Navacchia dell' azienda agricola Tremonti.

Il conto del pranzo è nella media dei 25-30 € a persona.
Certo, non è un prezzo da fast food, ma commisurato alla qualità dei prodotti e della cordialità vale assolutamente la spesa.
Lo consiglio a coppie, famiglie, ma anche gruppi (nel caso conviene prenotare) e penso che ritornerò.

Una volta uscite ci dirigiamo verso il centro di Imola per una passeggiata e arriviamo fino a Porta Montanara, dove dal 24 al 27 ottobre, piazza Bianconcini ospita il mercato dei sapori, con prodotti tipici da tutta Italia.
Nonostante la pancia piena non resistiamo alle buone cose e ci portiamo a casa i sapori dello Stivale: pane di Altamura, orecchiette, olive, marmellata di arance, formaggio sardo, pane alle mele del Trentino e strudel.
Una piacevole alternativa ai ritmi frenetici settimanali.

mercoledì 23 ottobre 2013

5 Tips to discover Imola in one day - Imola in un giorno.

Imola is 30 minutes by train from Bologna, and it is the ideal place for a day out of town.
Some information about the town:
Imola is half way from Bologna and the Riviera Adriatica, on the borderline between Emilia and Romagna. This particular geographic position offers a wide range of interesting places, typical products and activities in a relatively small area.
Imola is worldwide known for the Enzo & Dino Ferrari Racetrack, the temple of Formula 1 and great car competitions in the past, but there's more.
There you can find historical palaces, castles, music, good wine and good food (Slow Food presides, DOP, DOC, ..)
So here are some tips to discover the town in an eco-friendly and funny way.

Imola si trova a 30 minuti di treno da Bologna ed è il luogo ideale per una giornata fuori porta.
Qualche informazione sulla città:
Imola si trova a metà strada tra Bologna e la Riviera Adriatica, al confine tra Emilia e Romagna.
Questa particolare posizione geografica fa sì che l'area imolese, relativamente piccola se paragonata all'estensione dell'Emilia Romagna, sia ricca di luoghi da scoprire, prodotti tipici e attività all'aria aperta.
Imola è conosciuta in tutto il mondo per l'Autodromo Enzo & Dino Ferrari, tempio dei motori e della Formula 1, ma c'è di più...palazzi storici, rocche e borghi fortificati, musica, enogastronomia eccellente (presidi Slow Food, DOP, DOC,..)
Ecco qualche consiglio per visitare la città in modo ecologico e divertente.



Take a train from Bologna to Imola. You can reach the town in 30 minutes.
Arrivo in treno da Bologna, tempo di percorrenza circa 30 minuti.


1- Rent a bike from the bike sharing platform at the train station and to a tour in the center of the old town. 
Noleggio una bicicletta e visito il centro storico di Imola. A pochi passi dalla stazione si trova una delle piattaforme di bike sharing, disponibili in tutta la città.


2 - Have a guided tour at Imola Racetrack.
You can book the tour in advance. It is available from 1.15 pm to 2.15 pm except in case of holidays or races. In this case you can do an outside tour from the public street that surrounds the track.
Visito l’autodromo di Imola - la visita è disponibile su prenotazione dalle 13.15 alle 14.15 salvo attività in pista o chiusura dell’impianto. In alternativa si può percorrere la strada pubblica che lo circonda, dove si trovano anche punti panoramici suggestivi.


3- Have lunch in a restaurant close to the racetrack and hung out everyday by local people.
Pranzo in un ristorante vicino all'Autodromo e frequentato quotidianamente dalla gente del posto.


4 - In the atfernoon, reach a local wine producer a few minutes away from the center of the town and visit the farm. It is a Wine and Flavours Route of Imola’s Hills associated.
Nel pomeriggio visito un’azienda vinicola e assaggio i vini locali. L’azienda si trova nella campagna subito fuori Imola nella zona pianeggiante e fa parte dell’Associazione Strada dei Vini e Sapori Colli d’Imola.


5 - Have dinner in a typical restaurant in the center of Imola, Slow Food awarded.
Vado a cena in un ristorante in centro a Imola, con riconoscimento Chiocciola Slow Food.


If you have time, you can have a walk in the center to enjoy the old palaces "by night".
Return the bike at the platform and take a train to come back to Bologna (last ride is at 10.56 pm)
Se ho ancora tempo, dopo cena mi concedo una passeggiata nel centro città per ammirare i palazzo storici con la luce della sera.
Riconsegno la bicicletta alla piattaforma e ritorno a Bologna in treno (l'ultima corsa è alle ore 22.56)

Where to find more info:

Coming soon: 
Imola and its surroundings. Tips to discover the plain and the hills on Imola area.
Imola e il suo territorio. Consigli per conoscere la pianura e le colline attorno a Imola.

martedì 15 ottobre 2013

Rendi ciò che ti piace fare il tuo lavoro. Sarà faticoso, come ogni lavoro, ma sarà meno faticoso perchè è ciò che ami fare.

Standstill travels.
you need just a click to find yourself in amazing places, near or far, around the world.
It's the cure for all those soul that everyday are chained to a chair.
It makes you wonder if it's worth to spend your time hunched over a computer , to dream of doing anything , to end the day dissatisfied with what has been accomplished.
It makes you wonder if it's worth being trapped in the routine.
Change is a desire that's daily becoming more a need.
To stand still is now a suffering, a lack of clean air.
Some people will look at you as a fool, an arrogant overgrown child who wants to do what he wants instead of what he must do.
Leaving the known road is always a risk, but is it worth to take a life-long road like horses with blinders on, getting to the end and realizing to have turned round in a fence ?
Looking for travel companions , kitchen fellows, someone who wants to marry food and travel , the scents of the countries and the faces of the people. I want to give a smile to people , I want to feel the emotions of little things , I think this is my job.
As a wise man once told me : " Let your passion to become your job . It will be hard , like any job, but it will be less tiring as it's what you ove to do. "

Viaggiare da fermi.

Cliccare su una finestrella e ritrovarsi in luoghi magici, vicini o lontani che siano.
Una cura per l'anima rilegata alla scrivania tutti i giorni.
Viene davvero da chiedersi se valga la pena passare il proprio tempo chini su un computer, sognando di fare tutt'altro, concludendo la giornata insoddisfatti di ciò che si è compiuto.
Viene da chiedersi se valga la pena esseri intrappolati nella routine.
Viene voglia di cambiare. Una voglia che diventa ogni giorno di più una necessità.
Restare immobile è ormai una sofferenza, un'assenza di aria pulita.

Ci sarà chi ti guarda come fossi uno stolto, un piccolo infante viziato, troppo cresciuto per permettersi l'arroganza di voler fare ciò che vuole e non ciò che deve.


Abbandonare la strada che si conosce è sempre un rischio, ma vale la pena percorrere per tutta la vita una strada che non ci piace, come cavalli coi paraocchi, per poi arrivare alla fine e rendersi conto di aver girato in tondo in un recinto?


Cerco compagni di viaggio, compagni di cucina, qualcuno che abbia voglia di sposare il cibo e il viaggio, i profumi dei paesi e i volti della gente. Voglio dare un sorriso alle persone, voglio sentire le emozioni delle piccole cose, voglio che questo sia il mio lavoro.


Come un saggio mi disse un giorno: "rendi ciò che ti piace fare il tuo lavoro. Sarà faticoso, come ogni lavoro, ma sarà meno faticoso perchè è ciò che ami fare."